Nucleare bifronte, quando un problema può risolvere un altro problema…

Il Governo ha approvato la nuova strategia di intervento in caso di incidente a una centrale nucleare estera. Un provvedimento non direttamente correlato alla guerra in Ucraina, anche se non è da escludere che l’attacco russo all’impianto di Zaporizhzhia gli abbia impresso un’accelerazione. Cosa che, en passant, rende l’atomo una sorta di Giano bifronte: da un lato un potenziale problema, dall’altro la possibile soluzione a un altro problema […].

L’editoriale di stamattina.

Nucleare bifronte, quando un problema può risolvere un altro problema…

Nucleare, aggiornato il piano di rischio (ma può pure essere una risorsa)

Riaperture e coprifuoco, lo sprint del Governo verso la libertà

Il Governo Draghi ha deciso di accelerare su riaperture e coprifuoco. Sempre seguendo i princìpi della gradualità e della prudenza, sia chiaro – ma stavolta la svolta è davvero imminente. Anche se, per scaramanzia, conviene sempre tenere le dita incrociate […].

L’editoriale di stamattina.

Riaperture e coprifuoco, lo sprint del Governo verso la libertà

Semi-aperture, il nuovo Dl non basta ma almeno va nella giusta direzione

Non una ripartenza vera e propria, ma delle semi-aperture. È questa la ratio del nuovo Dl Covid appena approvato dal Consiglio dei Ministri, che sarà valido a partire dal prossimo 26 aprile. Frutto, come sempre, di un faticoso compromesso tra le diverse anime (e istanze) della maggioranza ecumenica che sostiene il Premier Mario Draghi. E che ha generato delle disposizioni che, se ancora non sono sufficienti, perlomeno vanno nella giusta direzione […].

L’editoriale di stamattina.

Semi-aperture, il nuovo Dl non basta ma almeno va nella giusta direzione

Semi-aperture, ecco tutte le luci e le ombre del nuovo Decreto anti-Covid

Italia a tre colori, l’ultimo Dpcm e le zone della discordia

È un’Italia a tre colori quella disegnata dall’ennesimo ultimo Dpcm che, malgrado porti la data del 3 novembre, è entrato in vigore venerdì 6. Dividendo il Belpaese in tre macroaree a seconda del livello di criticità. Un frazionamento che ha destato più di una perplessità, suscitando da subito una ridda di polemiche anche tra rappresentanti delle istituzioni […].

L’editoriale di oggi.

https://www.romait.it/italia-a-tre-colori-lultimo-dpcm-e-le-zone-della-discordia.html

https://www.quiitalia.eu/italia-a-tre-colori-le-zone-dellultimo-dpcm-fanno-gia-discutere.html

Semi-lockdown, l’ipocrisia della maggioranza incapace di governare la crisi

Che il semi-lockdown instaurato con l’ultimo Dpcm del 24 ottobre avrebbe scatenato proteste e rivolte era facilmente prevedibile. Meno scontato era che le prese di distanza provenissero anche dall’interno della stessa maggioranza rosso-gialla. Che deve decidere cosa vuol fare da grande, attuando una strategia di lungo respiro che consenta di governare l’emergenza, senza limitarsi a inseguirla […].

L’editoriale di oggi.

https://www.romait.it/semi-lockdown-lipocrisia-della-maggioranza-incapace-di-governare-la-crisi.html

https://www.quiitalia.eu/semi-lockdown-lattacco-ipocrita-di-chi-non-ha-il-coraggio-delle-sue-azioni.html

Italia Viva, Italia moribonda: o del Rottamatore rottamato

Test per l’esame di giornalismo su Italia Viva, il micro-partito di Matteo Renzi che, come i pifferi di montagna, andò per suonare e tornò suonato. Il candidato consideri che:

a) Riferendosi alla recentissima tornata elettorale che ha riservato a Iv percentuali da prefisso, l’altro Matteo ha dichiarato che «il dato di Italia Viva è stato straordinario». Poi si è svegliato tutto sudato […].

L’editoriale di stamattina.

https://www.romait.it/italia-viva-italia-moribonda-o-del-rottamatore-rottamato.html

https://www.quiitalia.eu/italia-viva-cosi-renzi-il-rottamatore-sta-rottamando-se-stesso.html

Elezioni 2020, il 3-3 alle Regionali fa esultare soprattutto il Pd

Le elezioni 2020 non hanno riservato grosse sorprese. Né dal lato del referendum sul taglio dei parlamentari, che ha visto la preconizzata, netta affermazione del . Né dal lato delle Regionali, conclusesi con un 3-3 che fa esultare soprattutto il Pd (il dato non tiene conto dell’unicum rappresentato dalla Valle d’Aosta). Semmai, meraviglia – e in positivo – il dato dell’affluenza, superiore al 50% sia per le amministrative che per la consultazione referendaria. In epoca di pandemia, non era affatto scontato […].

L’editoriale di stamattina.

https://www.romait.it/elezioni-2020-il-3-3-alle-regionali-fa-esultare-soprattutto-il-pd.html

https://www.quiitalia.eu/elezioni-2020-pareggio-3-3-alle-regionali-e-trionfo-del-si-al-referendum.html

Elezioni Regionali, così Emiliano “bara” nel silenzio di giudici e media

L’atomica è scoppiata proprio agli sgoccioli della durissima campagna elettorale per le elezioni Regionali 2020. Solo che non se n’è accorto (quasi) nessuno, perché perfino le atomiche possono passare inosservate se gli organi di informazione decidono di occultarle. Tuttavia, nel caso specifico, che origina dalla Puglia, c’è un silenzio infinitamente più assordante: quello di una magistratura che pare ancora e sempre palamarizzata […].

L’editoriale di stamattina.

https://www.romait.it/elezioni-regionali-cosi-emiliano-bara-nel-silenzio-di-giudici-e-media.html

https://www.quiitalia.eu/elezioni-regionali-il-caso-emiliano-e-le-toghe-ancora-palamarizzate.html

Regionali 2020, come incideranno l’aggressione a Salvini e il caos scuola?

C’è un sottile filo rosso-nero (e i colori non sono casuali) che collega le Regionali 2020 ai destini del Governo Conte bis. Non nel senso che la tornata elettorale possa determinare la caduta dell’esecutivo – evento poco probabile ancorché non da escludere categoricamente. Tuttavia, l’esito del voto potrebbe assestare uno scossone molto deciso agli equilibri della maggioranza rosso-gialla. E tale esito potrebbe essere influenzato, forse anche in modo decisivo, da un paio di particolari eventi di cronaca […].

L’editoriale di oggi.

https://www.romait.it/regionali-2020-come-incideranno-laggressione-a-salvini-il-e-caos-scuola.html

https://www.quiitalia.eu/regionali-2020-potrebbe-essere-la-cronaca-a-spostare-voti-ed-equilibri.html

Verbali del Cts, Conte: “Li divulghiamo”. Ma era meglio secretare gli esperti

Test per l’esame di giornalismo sugli ormai famigerati verbali del Cts… e oltre. Il candidato consideri che, durante un evento occorso nella sua Puglia, un bi-Premier Giuseppe Conte insolitamente loquace ha dichiarato che:

a) Proprio sui verbali del Cts, «io sto ai fatti. A noi il 5 (marzo, ndr) sembrava già che la curva del contagio stesse scappando di mano. Il ministro Speranza in quel momento chiese ragioni di una misura solo per quei due Comuni (Alzano e Nembro, ndr). Ne nasce un parere del 5 sera, tardi». Prima che la situazione precipitasse e suggerisse l’opportunità di un lockdown su scala nazionale. E andrebbe anche bene. Se non fosse che il verbale incriminato è quello del 3 marzo, più ancora di quello del 5. E se i Conte iniziano a non tornare dal mattino… […]

L’editoriale di stamani.

Verbali del Cts, Conte: “Li divulghiamo”. Ma era meglio secretare gli esperti

Verbali del Cts, Conte: “Li pubblichiamo, nulla da nascondere”