Bamba della settimana, l’anti-premio tra (alti) papaveri e papere

Col nuovo anno ritorna pure il “Bamba della settimana”, l’anti-premio ideato dall’attuale direttore editoriale di Libero Vittorio Feltri come ironico omaggio al meglio del peggio del periodo. Un surreale alloro che, per l’occasione, ondeggia tra (alti) papaveri e papere: dall’Italia e dall’estero, con l’imbarazzo… della scelta […].

L’editoriale di stamattina.

Sì, Twitter censurò scientemente lo scoop su Hunter Biden

È ormai ufficiale che Twitter influenzò le Presidenziali Usa del 2020, sopprimendo scientemente un caso che avrebbe messo in grossa difficoltà Joe Biden. A rivelarlo è stato proprio Elon Musk, neo-proprietario della piattaforma da 280 caratteri. Che ha rilanciato un’inchiesta che svela alcuni torbidi segreti (di Pulcinella) della Big Tech di San Francisco […].

L’editoriale di stamani.

Usa, Biden shock: vuole che si indaghi sul “rivale” Elon Musk

Ormai è evidente che il leader del Partito Democratico Usa ha un enorme problema con la democrazia. Difficilmente, altrimenti Sleepy Joe Biden avrebbe insinuato che bisognerebbe indagare su Elon Musk, imprenditore, novello CEO di Twitter e, soprattutto, suo avversario politico. Il tutto nel silenzio assordante di quanti (in primis i media mainstream), a parti inverse e partiti invertiti, griderebbero pavlovianamente all’allarme fascismo […].

L’editoriale di stamani.

Midterm Usa, se il Partito Democratico esulta per una sconfitta…

Test per l’esame di giornalismo sulle elezioni americane di metà mandato, per gli amici Midterm. Il candidato consideri che:

a) Sleepy Joe Biden, anche noto come la “gaffe machine” come riporta TGCom24 ha affermato esultante che il Partito Democratico ha «vinto le elezioni» […].

L’editoriale di stamattina.

Calenda-Della Vedova, oltre ai soldi di Soros c’è di più

Ormai, come si suol dire, volano gli stracci tra gli ex alleati Carlo Calenda e Benedetto Della Vedova. Il leader di Azione, infatti, ha accusato il partito di Emma Bonino di aver ricevuto, in campagna elettorale, un importante finanziamento da George Soros. Anche se, per parafrasare una notissima canzone di Sabrina Salerno e Jo Squillo, oltre i soldi del magnate magiaro-americano c’è di più […].

L’editoriale di stamani.

La campagna elettorale è all’insegna dei litigi, ed è puro tafazzismo

È entrata immediatamente nel vivo la campagna elettorale per le Politiche del prossimo 25 settembre. Che, dopo il Governo del Premier Mario Draghi, notoriamente di unità nazionale, per contrasto sembra essere all’insegna delle divisioni. Il che, considerando anche un piccolo e insignificante dettaglio di nome Rosatellum, rappresenta l’ennesima conferma dell’attitudine al tafazzismo che domina la politica nostrana […].

L’editoriale di oggi.

La campagna elettorale è all’insegna dei litigi, ed è puro tafazzismo

Campagna elettorale, dal Governo di unità nazionale si passa alle divisioni

Draghi abbattuto in Senato, si va verso elezioni anticipate in autunno

Il Premier Mario Draghi ha perso la fiducia. La drammatica seduta del Senato susseguente alla crisi di Governo innescata dal suo predecessore Giuseppe Conte ha infatti certificato la dissoluzione della sua maggioranza ecumenica. È il de profundis per l’esecutivo dell’ex numero uno della Bce: a questo punto l’unica strada possibile è quella delle elezioni anticipate […].

L’editoriale di oggi.

Ucraina, l’invio di armi agita anche gli Usa: con risvolti molto più pratici

A quanto pare, la questione dell’invio di armi in Ucraina non è un problema solo italiano. Anche negli Stati Uniti, infatti, è stato lanciato un (doppio) allarme che ruota intorno al sostegno militare allo Stato guidato da Volodymyr Zelensky. Per quanto, rispetto al Belpaese, i timori yankee abbiano dei risvolti decisamente più concreti […].

L’editoriale di stamattina.

Ucraina, l’invio di armi agita anche gli Usa: con risvolti molto più pratici

Ucraina, doppio allarme (anche) dagli Usa sull’invio di armi a Kiev

Trump, il legame con la Russia creato ad arte? L’inchiesta negli Stati Uniti

Sembra proprio che Donald Trump sia stato spiato al fine di creare ad arte una falsa connessione con la Russia. Questo almeno affermano gli atti che John Durham, procuratore speciale per la relativa inchiesta, ha depositato alla Corte distrettuale del District of Columbia. E che dimostrano anche che il tycoon venne controllato non solo da candidato, ma perfino da Presidente degli Stati Uniti […].

L’editoriale di oggi.

Trump, il legame con la Russia creato ad arte? L’inchiesta negli Stati Uniti

Trump-Russia, clamorosa rivelazione dall’inchiesta del procuratore Durham

Bamba della settimana, l’anti-premio di Feltri è da presa per il Colle

Con l’approssimarsi del weekend torna il “Bamba della settimana”, l’anti-premio che l’attuale direttore editoriale di Libero Vittorio Feltri assegnava al meglio del peggio del periodo. E, visto che siamo in periodo “presidenziale”, abbiamo selezionato tre casi che ruotano attorno alla corsa per la successione al Capo dello Stato Sergio Mattarella. Più un quarto classificato da tradizione come hors catégorie per non falsare la kafkiana “competizione” […].

L’editoriale di oggi.

Bamba della settimana, l’anti-premio di Feltri è da presa per il Colle

Bamba della settimana, il surreale anti-premio feltriano da presa per il Colle