Ucraina, così la “strategia” dell’Occidente rende la pace un miraggio

Qual è esattamente la strategia dell’Occidente per arrivare alla pace in Ucraina? Viene da chiederselo anche alla luce degli ultimi avvenimenti, che sembrano volti a inasprire, più che a stemperare le tensioni con la Russia. Spingendo, forse, il Presidente Vladimir Putin verso un pericoloso esaurimento nervoso, e sicuramente a tentare di ridisegnare l’intero quadro geopolitico internazionale vigente […].

L’editoriale di oggi.

Ucraina, così la “strategia” dell’Occidente rende la pace un miraggio

Ucraina, se l’Occidente, più che la pace, pare voler provocare la Russia…

Gas, incassi record per la Russia non malgrado, bensì grazie alle sanzioni

Dallo scoppio della guerra in Ucraina, la Russia ha ottenuto incassi record dalla vendita del gas e del petrolio. E questo non “malgrado”, bensì “grazie” alle misure punitive comminate dall’Occidente sotto dettatura degli Usa. Un fatto che sembra paradossale, ma che in realtà era prevedibilissimo: bastava conoscere anche solo in maniera rudimentale le leggi del mercato […].

L’editoriale di stamani.

Gas, incassi record per la Russia non malgrado, bensì grazie alle sanzioni

Gas, la Russia raddoppia gli introiti (ed ecco perché non è una sorpresa)

Guerra, l’Africa è la grande dimenticata (e può essere un problema)

Diversi addetti ai lavori considerano la guerra ai confini dell’Europa orientale un conflitto tra Russia e Stati Uniti – che lo combattono per interposta Ucraina. Nessuno però tiene conto del fatto che il quadro geopolitico include un terzo, importantissimo attore. La cui esclusione dallo scacchiere internazionale potrebbe costituire un gravissimo problema […].

L’editoriale di oggi.

Guerra, l’Africa è la grande dimenticata (e può essere un problema)

Guerra, un monito per l’Occidente che ignora (colpevolmente) l’Africa

Guerra in Ucraina, con queste “sanzioni” Putin può dormire sonni tranquilli

Illudersi di bloccare la guerra in Ucraina con le attuali “sanzioni” è come pretendere di pescare un’acciuga con una rete dalle maglie chilometriche. Alcune delle misure imposte dall’Occidente, infatti, malgrado l’infatuazione dei media mainstream saranno semplicemente inefficaci. Mentre le altre o sono ipocritamente dittatoriali, o sono ridicole ai limiti del parossismo […].

L’editoriale di stamani.

Guerra in Ucraina, con queste “sanzioni” Putin può dormire sonni tranquilli

https://www.quiitalia.eu/guerra-in-ucraina-confidare-in-queste-sanzioni-e-pura-illusione.html

Affaire Pegasus, se sono spiati Re e Presidenti allora nessuno è al sicuro

Seppur con qualche giorno di ritardo rispetto al resto del globo, anche sulla grande stampa nostrana sta ora deflagrando l’affaire Pegasus. Espressione che designa l’indagine sul (tentato) spionaggio informatico ai danni di politici, giornalisti, attivisti e manager di tutto il mondo. Un caso balzato agli onori della cronaca quando si è scoperto che tra gli obiettivi figurava il Presidente francese Emmanuel Macron. Il che è abbastanza desolante perché, a prescindere dai protagonisti, la vicenda suona come un monito per tutti noi […].

L’editoriale di stamattina.

Affaire Pegasus, se sono spiati Re e Presidenti allora nessuno è al sicuro

Commissione d’inchiesta sul Covid-19, ora può esserci Speranza per tutti

Superato lo scoglio della mozione di sfiducia individuale, appare già all’orizzonte l’iceberg della commissione d’inchiesta sulla pandemia da Covid-19. Spauracchio che si fa sempre più concreto, vista la duplice mossa di Italia Viva e di pressoché tutte le forze del centrodestra. Insomma, il Ministro nomen omen della Sanità Roberto Speranza può stare sereno. Nel senso renziano dell’espressione, ça va sans dire […].

L’editoriale di oggi.

Commissione d’inchiesta sul Covid-19, ora può esserci Speranza per tutti

Commissione d’inchiesta, la mossa bipartisan che spaventa Speranza

Trasporti pandemici, il Ministro Giovannini e i piani che vanno piano

Test per l’esame di giornalismo su quelli che si potrebbero definire “trasporti pandemici”. Il candidato consideri che:

a) Ursula von der Leyen, Presidente della Commissione Ue, dopo una telefonata con il Premier Mario Draghi ha dato il via libera al Recovery Plan italiano. Inaugurando così il fantomatico certificato verde di Bruxelles […].

L’editoriale di stamani.

Trasporti pandemici, il Ministro Giovannini e i piani che vanno piano

Trasporti pandemici, gli assembramenti e gli orari delle città “da ripensare”