Sì, Twitter censurò scientemente lo scoop su Hunter Biden

È ormai ufficiale che Twitter influenzò le Presidenziali Usa del 2020, sopprimendo scientemente un caso che avrebbe messo in grossa difficoltà Joe Biden. A rivelarlo è stato proprio Elon Musk, neo-proprietario della piattaforma da 280 caratteri. Che ha rilanciato un’inchiesta che svela alcuni torbidi segreti (di Pulcinella) della Big Tech di San Francisco […].

L’editoriale di stamani.

PNRR bloccato? La Meloni: “Cambieremo l’abuso d’ufficio”

No, il Governo non si è affatto dimenticato del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, per gli amici PNRR. Lo ha assicurato il Premier Giorgia Meloni, sottolineando al contempo la necessità di modifiche regolamentari volte a evitare rallentamenti e addirittura blocchi degli appalti. Con particolare riferimento al reato, contestatissimo dagli amministratori locali, di abuso d’ufficio […].

L’editoriale di oggi.

Immigrazione, la Francia “buona” fa peggio dell’Italia “cattiva”

E ora la Francia “buona” intende risolvere la questione immigrazione da par suo. Ovvero, inasprendo la normativa attualmente in vigore, con particolare riferimento alle procedure d’asilo e alle espulsioni. Il tutto nel silenzio assordante dei media nostrani e, soprattutto, di quell’Europa che, a parità di provvedimento, l’Italia “cattiva” l’avrebbe già condannata senza appello […].

L’editoriale di oggi.

Qatar 2022, Infantino si unisce alla fiera dell’ipocrisia

Quando la politica si immischia nello sport non succede mai niente di buono, e i Mondiali di Qatar 2022 non fanno eccezione. Con una doppia aggravante, per l’occasione: un’ingerenza politically correct e la “firma” di un alto papavero quale Gianni Infantino, il numero uno del calcio internazionale. Che però, nei fatti, è stato clamorosamente smentito dalla stessa organizzazione che presiede […].

L’editoriale di stamani.

Mondiali, l’ipocrisia dei (finti) boicottaggi del Qatar…

Domenica 20 novembre prenderanno ufficialmente il via i Mondiali di calcio, che per questo2022 sono stati assegnati al Qatar. Un’edizione contrassegnata, fin dalla designazione del Paese ospitante nel 2010, da forti polemiche (soprattutto) extra-calcistiche, che ora in Europa si stanno sviluppando in varie forme di protesta. Che però sembrano servire più che altro a lavare le coscienze dei loro promotori […].

L’editoriale di oggi.

Usa, Biden shock: vuole che si indaghi sul “rivale” Elon Musk

Ormai è evidente che il leader del Partito Democratico Usa ha un enorme problema con la democrazia. Difficilmente, altrimenti Sleepy Joe Biden avrebbe insinuato che bisognerebbe indagare su Elon Musk, imprenditore, novello CEO di Twitter e, soprattutto, suo avversario politico. Il tutto nel silenzio assordante di quanti (in primis i media mainstream), a parti inverse e partiti invertiti, griderebbero pavlovianamente all’allarme fascismo […].

L’editoriale di stamani.

Midterm Usa, se il Partito Democratico esulta per una sconfitta…

Test per l’esame di giornalismo sulle elezioni americane di metà mandato, per gli amici Midterm. Il candidato consideri che:

a) Sleepy Joe Biden, anche noto come la “gaffe machine” come riporta TGCom24 ha affermato esultante che il Partito Democratico ha «vinto le elezioni» […].

L’editoriale di stamattina.

Cop27, la Meloni e il gattopardismo climatico

Si è aperta a Sharm el-Sheikh la ventisettesima “Conferenza delle parti sul cambiamento climatico delle Nazioni Unite”, per gli amici Cop27. La passerella annuale degli eco-catastrofisti di tutto il mondo che, per fortuna, non si traduce mai in niente di concreto. Quest’anno per l’Italia ha partecipato il Premier Giorgia Meloni: a conferma che possono alternarsi i Governi, ma alcune “tasse da pagare” resteranno sempre e comunque […].

L’editoriale di oggi.

Meloni e Sunak mandano in tilt il politically correct

Cos’hanno in comune il neo-Capo del Governo italiano Giorgia Meloni e l’ancor più neo-Primo Ministro britannico Rishi Sunak? Per esempio, il fatto di essere dei primatisti nel loro genere (in senso letterale, nel caso del Presidente di FdI). Ma anche l’estrazione politica conservatrice: cosa che sta letteralmente mandando in tilt gli adepti del politically correct […].

L’editoriale di oggi.

Ucraina, l’informazione asimmetrica e il manicheismo bellico

Parafrasando George Orwell, si potrebbe dire che nella guerra in Ucraina alcuni attacchi sono più (o meno) uguali degli altri. Almeno nella narrazione dei mezzi di comunicazione di massa, da sempre megafoni di un “manicheismo bellico” che separa nettamente il Bene dal Male. Due pesi e due misure che, tuttavia, gli avvenimenti più recenti mettono fortemente in discussione […].

L’editoriale di oggi.