La vittoria di Trump e la morte dei sondaggi

Dal punto di vista della comunicazione, è significativo il fatto che Trump abbia vinto nonostante l’opposizione dell’establishment (anche di quello repubblicano, in parte) e dei cosiddetti poteri forti: dai media (appunto) ai mercati finanziari, ai presunti artisti e intellettuali.
Dal momento che la stessa cosa sta avvenendo in Europa, sarebbe forse interessante capire se si tratta “solo” dell’allargamento a dismisura della forbice tra il popolo e i burattinai, oppure se quei fenomeni un tempo classificati sotto la categoria di “ago ipodermico” stiano piuttosto producendo una crisi di rigetto – o almeno il sospetto che, se tutti appoggiano lo stesso candidato, questo non sia la persona più adatta a rappresentare l’elettore medio.

Giuliano Guzzo

trump

Ieri pomeriggio, mentre gli esperti più autorevoli davano il 90% e oltre di possibilità di vittoria elettorale a Hillary Clinton, la quale doveva quindi avere dinnanzi a sé una passeggiata o poco più, scrivevo 

View original post 414 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...