La misteriosa utilità dell’«educazione di genere»

“Se la realtà fa a pugni con l’ideologia dominante, è la realtà che deve cedere il passo…”

Giuliano Guzzo

genere

Che si parli in generale di insulti sessisti o di maltrattamenti di coppia, di disparità salariale o di omofobia le parole magiche coniate dal Pensiero Unico ad uso e consumo della massa sono sempre le stesse: «educazione di genere». Sarebbero difatti

View original post 419 altre parole

Perché esiste il Male?

Perché esiste il Male

Kristian III annuì gravemente.

“Vedi, Lorin, gli operatori di iniquità non tollerano il comportamento dei giusti, perché suona come una condanna della loro condotta”.

Il Delfino di Astragon si morse le labbra e deglutì.

“Santità” cominciò poi, con le lacrime agli occhi, “perché esiste il Male? Voglio dire, so del mito dell’Eden e dell’Albero della Conoscenza…”

“E se ti dicessi che quel giardino rappresenta il cuore di ogni uomo?”

Lorin guardò il Pontefice senza capire.

“Vedi” spiegò il Santo Padre, “ogni uomo nasce puro, come solo Adamo ed Eva lo furono al tempo della Creazione, e Maria nella Storia. Il cuore di un fanciullo… è immagine del Paradiso Terrestre: fiorente, rigoglioso, abitato da Angeli.

Dio crea i fanciulli, ragazzo mio. Ma il Mondo crea gli uomini. E al Principe del Mondo è stato dato ogni potere su questo Mondo. Bello, seducente, ammaliante. Ma non si tratta che d’una maschera. Che cela un volto agghiacciante, oscuro, venefico”.

Al Delfino di Astragon tremarono gli occhi.

“È questa la strada che ha imboccato mio padre? La strada del Male? Una via d’odio?”

Kristian III sorrise benevolo.

“Non devi mai perdere la Speranza, Lorin. Dio è capace di suscitare fiori dalle rocce. Perché Lui è Vita, è Luce, è Amore senza fine. E con ciò non intendo solo che è interminabile, ma anche che è disinteressato. Non importa chi sei o cosa fai: Lui ti amerà comunque, totalmente, incondizionatamente, eternamente. E in questo amore sta, secondo un antico filosofo terrestre, il Suo personale inferno.

Perché Dio è Amore, come scrisse un mio venerato predecessore. Ma il contrario dell’Amore non è, come molti credono, l’odio, ma il dolore. Dal dolore nascono tutti i mali, il dolore è il laccio dell’oscurità, è l’anticamera della morte, perché separa dal Signore, che è la Vita. Chi vive nel dolore non può trovare la libertà nell’Amore.

Perché, vedi, come gli uccelli sono stati creati per volare, così gli uomini sono stati creati per l’amore. Vivere senza amare, vivere come se non si fosse amati è una limitazione, come se si tarpassero le ali a un uccello.

Ma nessuno è perduto, mio Principe. Perché, vedi, là dove abbonda il peccato, sovrabbonda la Grazia. E bada che la Grazia non esiste perché c’è la sofferenza ma, dove c’è sofferenza, troverai la Grazia”.

 

Papa Kristian III e il Principe Ereditario Lorin, parlando – tra l’altro – dell’Imperatore Faidon (adattato da Astragon – Il Sepolcro della Luce)

 

Celebrando Murray (e una maledizione che resiste ancora)

Murray vince Wimbledon 2016.png

Si dice che, anche in una giornata pienamente assolata, Andy Murray sia perfettamente in grado di individuare l’unica nuvoletta presente in cielo.

Un adagio che rispecchia molto bene l’andamento di una carriera – quella del tennista di Dunblane – che sarebbe potuta essere di gran lunga più trionfale: basti pensare che quello vinto ieri è solamente il terzo Major messo in bacheca dal britannico, che però di finali Slam ne ha giocate ben undici.

Quest’anno, però, sembra che qualcosa sia cambiato nella testa di Murray – che così spesso, in passato, lo aveva tradito. Tre finali su tre, le prime due perse da Nole Djokovic, la terza portata a casa da strafavorito dopo la precoce eliminazione del campione serbo che, al terzo turno dei Championships, ha ceduto alla potenza di Sam Querrey e forse al nervosismo per un match continuamente interrotto dalla pioggia e dall’oscurità.

In teoria, l’unico che avrebbe potuto creargli problemi era il sempiterno Roger Federer: ma il Re, appena tornato abile e arruolato dopo il lungo infortunio che lo aveva costretto a saltare il Roland Garros, ha pagato dazio alla fatica (e forse allo scorrere del tempo) in semifinale, quando Milos Raonic lo ha costretto al quinto set per la seconda volta consecutiva – dopo l’impresa nei quarti in cui il più grande tennista di tutti i tempi aveva rimontato due partite di svantaggio a Marin Cilic. Uno che neanche due anni fa, per usare le parole del Fenomeno di Basilea, a Flushing Meadows lo aveva letteralmente spazzato via dal campo.

È andata a finire che il canadese di origini montenegrine (Mediavideo, qualche giorno fa, lo spacciava pateticamente per croato) si è conquistato per la prima volta un posto in una finale Slam. Ed è andata a finire che l’unico ad aver veramente creato problemi a Murray è stato Jo-Wilfried Tsonga, che ai quarti ha costretto il futuro campione al quinto set, rimontando uno svantaggio di due partite per poi cedere di schianto al momento topico.

Né la semi con Tomas Berdych, né la finale (al di là del risultato, con due set decisi al tie-break) sono mai state in discussione. Troppo forte Murray, troppo il divario tecnico con due avversari che storicamente hanno una sola freccia al proprio arco: se si disinnesca il loro servizio, difficilmente hanno altre armi a cui poter ricorrere.

Probabilmente la cifra della finale sta proprio nella superiore abilità del britannico in  risposta, e l’emblema è il quinto punto del nono gioco del secondo set: Raonic batte a 147 mph (il secondo servizio più veloce della storia di Wimbledon), Murray risponde senza battere ciglio e, dopo un breve scambio, conquista il punto con la specialità della casa – il passante incrociato di rovescio.

Al massimo, quello che si può imputare ieri al britannico è l’incapacità di convertire i break point (alla fine, sarà uno su sette), ma va anche detto come Raonic (ieri tanto inconsistente in battuta da aver realizzato solo otto aces) non abbia mai avuto reali possibilità sul servizio dell’avversario, che ha perso solo nove punti quando ha messo in campo la prima – il che è accaduto 69 volte.

In definitiva, dopo le due migliori settimane sportive dell’anno, resta da celebrare il sempre più sottovalutato tra i Fab Four – ma chissà quanti Major avrebbe vinto Murray se fosse vissuto in un’epoca meno ricca di stelle? Resta da festeggiare la (almeno parziale) rinascita di King Roger, che alla vigilia del trentacinquesimo genetliaco ha ancora l’entusiasmo di un ragazzino e la voglia di non chiudere la carriera a 17 Slam. Resta la sorpresa di un Djokovic che, una volta completato il Career Grand Slam nonché il Piccolo Slam, proprio nell’anno in cui avrebbe potuto puntare non solo al Grande Slam ma addirittura al Golden Slam, si riscopre improvvisamente umano sull’erba magica, storica e fatale di Wimbledon. Resta la gioia del Canada, che per la prima volta ha issato un tennista fino all’atto finale di un Major, e può comunque salutare il trionfo di Denis Shapovalov, che a 17 anni ha appena vinto il titolo tra gli Juniores.

Resta anche l’illusione dorata dei sudditi di Sua Maestà, che possono acclamare il primo non-inglese ma spacciato per tale ad aver vinto (due volte) i Championships dai tempi del leggendario Fred Perry: la cui maledizione, però, resta tuttora in vigore perché, notoriamente, Murray è scozzese.

 

Deus caritas est

Santissima Trinità

“I disegni del Signore sono spesso imperscrutabili per le povere menti degli uomini… ricordi quando Dio chiamò Elia, sul monte Oreb? Fin dall’antichità gli uomini avevano associato le calamità naturali alla collera delle divinità. Ma il Profeta sapeva che la potenza del Signore non si rivela nell’uragano, né nel terremoto o nel fuoco! La potenza di Dio si manifesta nell’amore, si manifesta ovunque una persona che piange ascolta il suono di una campana e guarda in alto, verso il cielo, e subito il suo cuore viene consolato dal dolore…

Egli è contemporaneamente Colui Che Ama, Colui Che È Amato e l’Amore stesso. Sì, Faidon. Lo Spirito del Signore è l’essenza stessa dell’amore. Qualcosa di etereo e inafferrabile… eppure, allo stesso tempo, concreto e quasi palpabile… come morbidi grani di mimosa che penetrano dolcemente dentro al tuo cuore, incendiandolo col calore della fiamma più ardente…

È l’Amore che muove l’universo, Faidon. Poiché il Padre, che è Volontà, realizza il Suo disegno per mezzo del Figlio, che è Sapienza, ma Egli può agire solo in virtù dello Spirito, che è Potenza. Amore. L’Amore che muove il sole e le altre stelle. L’Amore a cui nessun uomo può sottrarsi…

Nessuno, Faidon. Perché noi siamo come fiumi… miliardi di fiumi, che seguono percorsi diversi, più o meno tortuosi… alcuni passano per le valli, altri lungo strette gole… e alcuni, infine… precipitano nell’abisso… ma tutti, alla fine, sfociano nello stesso mare…”

Faidon ascoltò ogni parola con lo sguardo basso, e alla fine sospirò e scosse la testa, mordendosi le labbra.

“È così difficile, Santità…” disse in un filo di voce.

Kristian III sorrise ancora, e gli appoggiò paternamente una mano sulla spalla.

“Non è mai semplice accettare le richieste del Signore… non lo è stato neppure per il Suo stesso Figlio… la vera agonia di Gesù Cristo non fu sulla Croce, né lungo il Calvario o dinanzi al Sinedrio, ma nel Getsemani, dove dovette dire il Suo sì alla volontà del Padre…”

 

Papa Kristian III e l’Imperatore Faidon (Astragon – L’Ombra dell’Aurora)

«Neanche io so il Vangelo» slogan virale. Basato su una bufala

Tolta la sacrosanta indignazione che il fatto (se fosse realmente accaduto) avrebbe suscitato, a me indigna molto più lo pseudo-orgoglio con cui questi fanatici dei dis-valori della modernità si affrettano a rivendicare l’ignoranza del Vangelo. Nella Nazione che ha dato cittadinanza al Cristianesimo, è un ennesimo segno che i veri tempi bui sono quelli che stiamo vivendo ora.

“Ma gli uomini vollero le tenebre piuttosto che la Luce…”

Sorgente: «Neanche io so il Vangelo» slogan virale. Basato su una bufala

Game Of Thrones (Payphone Parody by Key Of Awesome)

 

Watching “Game of Thrones” Guardando “Game of Thrones”
I haven’t left home Sono rimasto a casa
Told everyone that I had the flu Ho detto a tutti che avevo l’influenza
It’s an obsession, I’m filled with depression È un’ossessione, sono depresso
Cause it’s the end of season two Perché è la fine della seconda stagione
Now, my friends all tell me Ora, tutti i miei amici mi dicono
That I’ve lost my grip on reality Che ho perso il senso della realtà
They tell me it’s just a nerd show Mi dicono che è solo un telefilm da nerd
But dragons are real to me Ma per me i draghi sono reali
Someday those dragons will be grown Un giorno questi draghi saranno adulti
Daenerys1 will be my queen Daenerys sarà la mia regina
And when we reclaim the throne you E quando rivendicheremo il trono,
Won’t be allowed in our house Voi non sarete ammessi in casa nostra
Don’t call me at nine Non chiamatemi alle nove
On a Sunday night Di domenica sera
I don’t care who died Non m’importa chi è morto
I’m filling my mind Mi sto riempiendo la testa
With sword fights and quests, Di combattimenti con le spade e ricerche,
Horse lords and incest Signori dei cavalli e incesti
When Ned2 died I cried Quando Ned è morto ho pianto
Watching “Game of Thrones” Guardando “Game of Thrones”
It’s like a black hole È come un buco nero
Wanna kill Joffrey3 with his own shoes Voglio uccidere Joffrey con le sue stesse scarpe
Magical kingdoms with naked women Regni magici con donne nude
And none of them have silicone boobs E nessuna di loro ha le tette di silicone
And if the Seven Kingdoms did exist E se i Sette Regni esistessero
I would drink and party with that imp4 Io berrei e farei baldoria col Folletto
Viserys5 had gold poured on to his head A Viserys hanno versato dell’oro sulla testa
He’s no fucking dragon, now he’s dead Non è un drago del cazzo, ora è morto
Ouch Ouch
I’ll sick my direwolf on ya

 

Ti aizzerò contro il mio meta-lupo
If you get in my way Se ti metterai sulla mia strada
He’s actually a chihuahua In realtà è un chihuahua
But he’ll still rip off your face Ma ti strapperà la faccia
I only leave my apartment Lascio il mio appartamento
To put the rent in the mail Solo per spedire l’affitto per posta
That’s right, I still pay my bills, cause È giusto, pago ancora i miei conti perché
Lannisters repay their debts Un Lannister paga sempre i suoi debiti
I’m joining the Night’s Watch

 

Mi unisco ai Guardiani della Notte
It’s my birthright È un mio diritto di nascita
I’ll stand guard for White Walkers Farò la guardia contro gli Estranei
In the snow Nella neve
This Wall kind of blows Questa Barriera fa abbastanza schifo
No hot girls, just bros and old crusty guys Nessuna bella ragazza, solo fratelli e vecchi scontrosi

 

Watching “Game of Thrones” Guardando “Game of Thrones”
I feel bad for Jon Snow Mi dispiace per Jon Snow
It seems like he’s always getting screwed Sembra che finisca sempre per essere fottuto
Gave up on “Mad Men” Ho lasciato perdere “Mad Men”
Cause nothing happens Tanto non succede niente
Except for when Don’s wife sang “Zou bisou” A parte quando la moglie di Don ha cantato “Zou bisou”
The Lannisters all look like surfer dicks I Lannister sembrano tutti cazzoni
Jaime6 banged his sister7, she’s a bitch Jaime si è fatto la sorella, lei è una troia
No one knows that King Joffrey’s their kid Nessuno sa che Re Joffrey è loro figlio
Except for maybe Peter Dinklage A parte forse Peter Dinklage
This is his best role Questo è il suo ruolo migliore
(rap) (rap)
This is nothing but nerd shit Questa non è altro che merda da nerd
You better get a damned grip Faresti meglio a darti una maledetta calmata
And go outside and get some fresh air E uscire a prendere un po’ d’aria fresca
Get your fat butt un-stuck Libera il tuo culone
From that chair Da quella sedia
Ain’t a dragon slayer Non sei un uccisore di draghi
Just a loser in your underwear Solo uno sfigato in mutande
Wait a second Aspetta un secondo
Did I just see a pair of boobs? Ho appena visto un paio di tette?
If you don’t mind I’ma chill for a few with you Se non ti dispiace mi rilasso un po’ con te
Dude, why is that girl pretending she a boy yo8? Amico, perché quella ragazza fa finta di essere un maschio?
Oh shit that witch just gave birth to a cloud of smoke9

 

Oh merda, quella strega ha appena partorito una nuvola di fumo
How did that hot naked blond chick survive the fire10 Come ha fatto quella bambola bionda nuda a sopravvivere al fuoco?
Isn’t that Mayor Carcetti from “The Wire”11? Quello non è il sindaco Carcetti di “The Wire”?
I apologize for being so shitty before

 

Mi scuso per essere stato così stronzo prima
This show is “Lord of the Rings” Questa serie è “Il Signore degli Anelli”
But with titties galore Ma con tette a volontà
But I’m not sure who I’m supposed to root for Ma non sono sicuro per chi dovrei tifare
I like Robb Stark, but I like the dwarf12 more Mi piace Robb Stark, ma mi piace di più il nano
Call my manager and cancel my tour Chiama il mio manager e cancella il mio tour
I gotta read “A Storm of Swords” Devo leggere “Tempesta di Spade”
Oh, Theon Greyjoy, you were a nice boy Oh, Theon Greyjoy, eri un bravo ragazzo
Till you had those two kids barbecued Finché non hai bruciato vivi quei due ragazzini
Winter is coming L’inverno sta arrivando
I’m not sure what that means Non sono sicuro di cosa significhi
But you can bet it’s probably bad news Ma puoi scommetterci che probabilmente sono brutte notizie
I’m not playing music anymore Non farò più musica
From now on you can just be Maroon 4 D’ora in poi potete essere solo i Maroon 4
Next time they do “The Voice” La prossima volta che faranno “The Voice”
I won’t be there Io non ci sarò
Tell CeeLo his cat can have my chair Dite a CeeLo che il suo gatto può prendersi la mia sedia
Cause I’m stuck in “Game of Thrones” Perché io sono tutto preso da “Game of Thrones”

 

 

1 Daenerys Targaryen

2 Ned Stark

3 Re Joffrey Baratheon

4 Tyrion Lannister

5 Viserys Targaryen

6 Jaime Lannister

7 Cersei Lannister

8 Arya Stark

9 Lady Melisandre

10 Daenerys Targaryen

11 Petyr Baelish

12 Tyrion Lannister

 

Il suono del silenzio

The sound of silence

Salve, oscurità,  mia vecchia amica

Vengo di nuovo a parlare con te

Perché una visione che strisciava dolcemente

Ha lasciato i suoi semi mentre dormivo

E la visione che è stata innestata nella mia mente

Rimane ancora dentro il suono del silenzio…

 

Nei sogni irrequieti camminavo da solo

Per strade strette e piene di ciottoli

Sotto l’alone di un lampione

Sollevavo il colletto contro il vento e l’umidità

Quando i miei occhi sono stati feriti dal flash di una luce al neon

Che ha squarciato la notte e sfiorato il suono del silenzio…

 

E nella luce pura vidi

Diecimila persone, forse più

Persone che parlavano senza dire niente

Persone che sentivano senza ascoltare

Persone che scrivevano canzoni che nessuna voce avrebbe mai condiviso

E nessuno osava disturbare il suono del silenzio…

 

“Idioti” dissi, “non sapete

Che il silenzio cresce come un cancro…

Ascoltate le mie parole così che possa insegnarvi

Afferrate le mie braccia così che possa raggiungervi”

Ma le mie parole sono cadute come silenti gocce di pioggia

E sono riecheggiate nei pozzi del silenzio…

 

E la gente si inchinava e pregava

Il dio al neon che si era creata

E l’insegna dardeggiava il suo avvertimento

Nelle parole che stava  formando

E l’insegna diceva che le parole dei profeti sono scritte

Sui muri della metro e negli androni dei palazzi

E sono sussurrate nel suono del silenzio…