Cosa muove il cuore degli uomini?

Thot.png

Nel corso degli anni ho maturato la convinzione che gli esseri umani siano mossi solamente da due forze: l’aspirazione alla felicità, e la paura che questa speranza non venga realizzata. Qualunque comportamento può essere ricondotto a una di queste due categorie.

E tuttavia, è possibile che queste forze non risultino sufficientemente potenti. Per fortuna si tratta di casi rari, perché è quando di peggio possa succedere… Credo infatti che, in quelle circostanze, si possano aprire solo due vie…

Ci si può adattare alle aspettative degli altri, fingendo una felicità che non si prova, nei momenti in cui i propri cari pensano che così ci si debba sentire… e ci si riduce a una vita-non vita in cui si recita l’esistenza di qualcun altro…

Oppure si può rinunciare a tutto… alla felicità e anche alla speranza… e abbracciare l’oscurità… lasciandosi consumare dall’odio…

E in fondo… è probabile che entrambe le strade scavino un vuoto incommensurabile… un vuoto incolmabile… che a poco a poco… trascina verso l’abisso…

 

Professor Daniels (adattato da La Lingua di Babele – Il Tamburo di Nørthed)

Are you living, or just existing?

Pretend

Pretend… Always pretend… ‘Cause this world has a long-lasting expectation…

You’re this, so you must behave like this

But being human’s too complicated to be reduced to one and only definition…

And then, pretend. Just wear a mask, and pretend. Pretend to be happy when you feel like crying… pretend to be quiet when you feel like shouting…

And those who love you will never know where their peace rises from.

“They drink deceived, and so deceived, they live” (T. Tasso, Jerusalem Delivered, translation edited by H. Morley, LL.D., New York, 1901).